SCUOLA, FISH LAZIO INCONTRERA’ MINISTRO ISTRUZIONE PER SCONGIURARE RITARDI E DISSERVIZI

In questi mesi estivi, le famiglie di alunni con disabilità, alla vigilia di un nuovo ciclo di studi, si interrogano sulle condizioni dell’assistenza negli istituti laziali, da anni al centro di polemiche per i numerosi disservizi e per i ritardi nella gestione delle attività, in particolare, la nomina degli insegnanti di sostegno, l’assistenza educativa ed il trasporto non sempre garantito dal primo giorno.

Tra riflessioni e speranze per l’anno nuovo la FISH Lazio fa un quadro della situazione informando le famiglie interessate con un comunicato stampa:

“FISH ha chiesto un incontro al Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, che lo ha rapidamente concesso, proprio per quanto ci è ormai noto e per le istanze forti delle associazioni, delle reti territoriali: la scuola deve iniziare a settembre per tutti.” Così Vincenzo Falabella, Presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, anticipa i contenuti dell’incontro presso il MIUR in cui sono stati richiesti impegni e rassicurazioni.

“Il Ministro Fedeli ci ha innanzitutto informato dell’imminente emanazione di una specifica circolare a tutti i dirigenti scolastici che mira a contenere il rischio di ritardi nelle nomine e all’attivazione dell’assistenza alla comunicazione e all’autonomia, proprio per garantire la piena e immediata inclusione degli alunni con disabilità. La circolare preciserà anche le indicazioni del recente decreto legislativo 66/2017 (Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità) che entrano in vigore dall’anno 2019.

Analoghe rassicurazioni sono state espresse rispetto al trasporto scolastico, oggetto – come si ricorderà – di gravi disagi negli anni scorsi. Su questi servizi sarà cura del Ministero richiamare i più recenti specifici stanziamenti mirati proprio alla loro garanzia.

Sono state formulate anche garanzie circa il rispetto del numero di studenti (massimo 22) nelle classi in cui sia presente una alunno con disabilità grave, contenendo così il fenomeno delle cosiddette classi pollaio.”

FISH, come di consueto, ad inizio anno scolastico avrà cura di raccogliere e segnalare i disagi o le violazioni riportate dalle famiglie e dalle organizzazioni territoriali”.

I commenti sono chiusi.