COMUNE DI ROMA, SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO DISABILI NEL CAOS

AIPD Roma, associazioni di familiari e di persone con sindrome di Down, e l’associazione “Qui per voi” avvocati per l’handicap denunciano lo stato gravissimo in cui versa l’organizzazione scolastica a livello nazionale ed il pessimo avvio del servizio di trasporto organizzato dal Comune di Roma.
In moltissime scuole frequentate da disabili con diversi livelli di gravità è il caos organizzativo:
• assenza di insegnanti di sostegno a coprire l’intero orario previsto per la singola persona in diagnosi di gravità.
• Nessuna prospettiva circa l’orario definitivo delle lezioni .
• Nessuna prospettiva circa la presenza di personale specifico di supporto alla persona.
• La centralizzazione del servizio di trasporto da casa a scuola e da scuola a casa mostra disservizi profondissimi con il risultato che i disabili non vengono riportati a casa alla fine delle lezioni.
• Nessuna comunicazione tra i diversi ordini di scuola circa le particolari necessità di un cittadino studente disabile: drammatico il caso del passaggio dalla scuola materna alla primaria.
• In seguito all’accentramento operato dal Campidoglio, il Municipio, ente più vicino ai cittadini, non organizza più il processo del trasporto scolastico con evidenti disagi. I funzionari del Municipio, avendo maturato una notevole esperienza in quest’ambito, erano, infatti, in grado di seguire le singole situazioni e verificare direttamente gli eventuali disservizi, che molto spesso risolvevamo rapidamente.
L’attuale situazione, di fatto, lede gravemente numerosi diritti. Il principale dei quali è il diritto allo studio dei ragazzi e delle ragazze con disabilità.
A questo si aggiungono numerose situazioni di reato degne di denuncia individuale, in particolare abbandono di minori da parte delle scuole, così come abbandono di incapaci di intendere di volere, qualora si parli di disabili di tipo intellettivo.
Per non parlare dei familiari lavoratori, sollecitati dalla situazione così gravosa, che non sono nelle condizioni di poter garantire la propria presenza nei posti di lavoro, creando non poche difficoltà all’economia della città nel suo complesso e nei singoli ambiti organizzativi.
Siamo qui, pertanto, a presentare alle istituzioni e al Sindaco Marino che, tante speranze aveva suscitato in campagna elettorale proprio in merito alla difesa dei diritti dei cittadini e dei disabili in particolare, questo appello.
L’associazione Quixvoi è pronta a ricevere le richieste dei cittadine e chiamare in giudizio i responsabili nazionali e locali di tale situazione.
L’AIPD sezione di Roma Onlus sta monitorando il territorio comunale ed è in grado di mantenere aggiornata la mappa dei disservizi. Manterremo alta la vigilanza.
Per denunciare questa situazione giovedì 19 settembre, alle ore 17.30, è stata organizzata una conferenza stampa presso il ‘Roma Scout Center’ in Largo dello Scautismo.

Giampaolo Celani, presidente Aipd Roma
Daniele Caldarelli presidente dell’associazione “Quixvoi”

Lascia un commento