CHIARA, UNA STORIA DI DETERMINAZIONE

Chiara Manganozzi, 28 anni, è una ragazza con sindrome di Down ma a renderla speciale non è tanto quel cromosoma in più quanto la sua voglia di fare e la sua determinazione.

FullSizeRender

La sua ultima impresa è stata la partecipazione ai Campionati Europei Special Olimpics di Indoor Rowing, il 16 gennaio scorso a Győr, in Ungheria.

Chiara è stata avviata al canottaggio alcuni anni fa, con la partecipazione ad un progetto dell’Aipd Roma, associazione di cui è socia. Ormai Chiara viaggia da sola e, così, dopo anni di allenamenti al circolo Canottieri Lazio, è nata l’opportunità di partecipare a questa gara. Una bellissima esperienza che anche lei ricorda con affetto: “Sono stata bene a Budapest – racconta Chiara – abbiamo girato la città sull’autobus a due piani, era molto bello… sono contenta di stare con tutta la squadra, ho dormito in camera con Cinzia, Francesca, Giulia e Cinzia”.

IMG_1631Da tanti anni Chiara pratica anche la vela. Con l’Aipd partecipa sia alle crociere estive che ai campionati invernali di Fiumicino. Nel 2012 ha preso parte alla Barcolana di Trieste, insieme ad altri sette ragazzi con sindrome di Down e all’equipaggio di “Mascalzone Latino”. D’altronde, come ci ha confermato anche il papà, Chiara ha una vera passione per lo sport: ha praticato equitazione, nuoto e sci ottenendo discreti risultati.

IMG_0974 (1)Ma i suoi successi non si limitano allo sport. Una delle vittorie più grandi Chiara l’ha ottenuto il 19 novembre 2013 quando, dopo avere svolto per anni tirocini in preparazione di un inserimento lavorativo vero e proprio, ha vinto il concorso messo a bando dal Comune di Roma. Da più di due anni Chiara lavora al dipartimento risorse economiche al Comune di Roma con un contratto a tempo indeterminato.

I commenti sono chiusi.