AGGRESSIONE PADRE E FIGLIO CON SINDROME DI DOWN. CELANI: “SOLIDARIETA’ E VICINANZA A FAMIGLIA CAVALLARO”

“Da genitore di un ragazzo con sindrome di Down e presidente della sezione di Roma dell’Associazione Italiana Persone Down sono rimasto scioccato da quanto accaduto ieri e diffuso oggi dai giornali. In pieno Centro storico, non in orario di particolare intensità di traffico, una sosta non autorizzata ha provocato l’aggressione da parte di un tassista contro un signore in evidenti condizioni di necessità nel reperire medicinali per il proprio figlio con sindrome di Down. L’uomo è stato picchiato selvaggiamente davanti agli occhi del figlio.

Generalmente una persona adulta con sindrome di Down è molto lenta e incerta nell’incedere, anche perché spesso non vede bene. Un genitore cerca di ovviare trovando ogni forma di soluzione pur di non arrecare disturbo alla collettività, come nel caso del sig. Cavallaro.

Condanno fermamente la vile aggressione dell’autista che non trova alcuna giustificazione. C’è, però, da evidenziare che non è prevista la sosta breve per ritiro di medicinali. Segnalo che questo è un problema da affrontare. Ovunque si vedono doppie file o soste irregolari nei pressi delle farmacie. Ritengo sia una questione di pubblica utilità da affrontare. Intanto grandissima vicinanza a tutta la famiglia del sig. Cavallaro a cui offriamo la nostra collaborazione e il sostegno per ogni necessità”.

Lascia un commento